informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come combattere l’insicurezza: 5 consigli

Commenti disabilitati su Come combattere l’insicurezza: 5 consigli Studiare a Siracusa

La paura di affrontare una commissione d’esame, l’ansia, la difficoltà nell’apprendimento… tutte queste caratteristiche hanno un denominatore comune: l’insicurezza. E, in caso di uno studente universitario, questa condizione può portare ad un percorso difficile, fatto di risultati difficilmente ottenuti. di un disarmante scontento e di poche aspirazioni per il futuro.
come superare la timidezza
Ma ci sono vari modi – lo rivela uno studio dell’Università Niccolò Cusano di Siracusa –  per combattere l’ansia e la sfiducia in se stessi e portare a termine un soddisfacente percorso universitario. In questo articolo, forniremo cinque consigli dedicati a tutti gli studenti che non hanno fiducia nelle proprie capacità in modo tale da aiutarli a superare l’ansia pre-esame.

Consigli per vincere la timidezza

Come prima cosa, occorre identificare la causa della mancanza specifica di autostima: nella maggior parte dei casi questo dipende dalla paura del giudizio da parte degli altri che – nel caso dell’università – è rappresentato dal giudizio dei docenti in fase d’esame. Il senso di non essere all’altezza blocca completamente coloro che ne soffrono e non solo in sede d’esame ma già dal momento in cui stanno preparando l’esame in quanto non riescono ad applicarsi al meglio.

Dunque, come superare la timidezza e sfoderare tutta la grinta necessaria per portare a compimento il percorso universitario in maniera brillante? Da questo atteggiamento positivo nei confronti di se stessi, infatti, parte quella che sarà la visione della vita “adulta” e delle prospettive lavorative. Chi non ha fiducia e tentenna troppo a causa dell’ansia, non riuscirà poi ad imporsi in maniera adeguata nel mondo del lavoro… ed è proprio a questi studenti che la Unicusano fornisce i seguenti suggerimenti:

Comprendi che l’insicurezza non è una malattia

Vedi la tua fragilità emotiva come il male assoluto? Non è così! Ognuno deve imparare a convivere con il proprio carattere, portando se stessi e solo se stessi come esempio di perfezione, senza andare a ricercare status comportamentali non propri eleggendoli come assoluti.

L’insicurezza, a volte – quando non è considerata una malattia ma un semplice tratto distintivo del carattere – è anche indice di umiltà (dote estremamente valida e positiva). Ma non solo: una dose di insicurezza “sana” riesce far tendere sempre al meglio, senza accontentarsi mai.

Dai voce ad tuo dialogo interiore

Se dentro di te continui a ripeterti frasi come “non sono in grado”, “non riesco”, “chissà cosa penseranno di me” stoppati subito e inizia a parlare con te stesso. È fondamentale non rivolgersi a se stessi in maniera negativa e – quando capita – è bene mettere nero su bianco queste frasi: se non si ha carta e penna vanno benissimo anche le “note” del cellulare. Questo semplice esercizio ti aiuterà a distaccarti da quei pensieri che non fanno altro che sfiancare la tua autostima e potrai finalmente renderti conto che sono davvero negativi e inutili.

Esprimi te stesso in tutti i modi possibili

Un altro trucco per cercare di dar voce all’insicurezza, liberandoti dal suo peso, è quello di praticare attività sportive in cui è richiesto di far squadra ma anche di far emergere le capacità del singolo. Ottimi sono gli sport di gruppo quali il calcio o la pallavolo nei quali il singolo (pur avendo la “protezione” del gruppo) può far emergere se stesso scacciando la timidezza.

Inoltre, se hai qualche passione relativa a hobby o attività artistiche, è giunto il momento di buttarsi! Ci vorrà ovviamente tempo per approfondire la tecnica e non devi scoraggiarti se i risultati non saranno immediati: applicarsi servirà ad apprezzare i piccoli miglioramenti che otterrai giorno dopo giorno. Vedere i propri progressi sarà un modo efficace per scacciare il senso di insicurezza.

Motivati!

Nei momenti di forte stress o di spiccata insicurezza, occorre fermarsi per compiere degli esercizi motivanti. Come prima cosa, è necessario non porsi in maniera negativa nemmeno con se stessi: al fine di dare la giusta prospettiva alla tua vita poniti, invece, delle domande con focus costruttivo. Ad esempio, sarà utile interrogarsi così: “Qual è il mio principale scopo nella vita?”, “Quali sono i miei maggiori talenti e abilità?”, “Come posso fare il miglior uso di loro?”, “Sto facendo il miglior uso del mio tempo?”.

Per motivarsi è anche importante darsi degli obbiettivi concreti e raggiungibili (non certo impossibili!). infatti, quando si decidono degli obiettivi spesso si assegna erroneamente il loro valore sulla base dei risultati che si desidera ottenere: questi obiettivi sono sicuramente ben formulati ma non sono molto pratici (ad esempio: dire “vorrei far soldi” è un ottimo obbiettivo da avere, ma la frase non contiene modalità pratiche per il raggiungimento).

Quello che puoi fare è cambiare queste affermazioni in piccoli passi, cercando di costruire in maniera concreta il percorso per giungere all’obbiettivo.

Frequenta amici che riescano ad infonderti sicurezza

Infine, occorre frequentare amici che riescano a nutrire il tuo ego di positività. Le persone che frequenti maggiormente, infatti,  hanno un forte impatto sul modo di vedere le cose, affrontare le situazioni e sul modo di pensare.

Se soffri d’insicurezza e necessiti di parole di incoraggiamento e di ispirazione, frequenta quindi persone che ti facciano sentire bene e che abbiano un’influenza positiva sulla tua autostima.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali