informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come iniziare un discorso di laurea: consigli utili

Commenti disabilitati su Come iniziare un discorso di laurea: consigli utili Studiare a Siracusa

Sei arrivato al grande giorno della discussione della tesi e sei ancora indeciso su come iniziare un discorso di laurea? In questo articolo lo staff dell’università Niccolò Cusano di Siracusa vuole fornire ai laureandi alcune informazioni relativamente a come impostare il discorso di laurea al meglio, così da colpire subito positivamente la commissione d’esame e garantirsi un’ottima valutazione.
Discussione tesi di laurea
Infatti, seppur si arrivi alla discussione tesi con un punteggio minimo già deciso (il voto che esce dal calcolo a partire dalla media ponderata delle valutazioni di tutti gli esami svolti), la presentazione orale svolge comunque un ruolo chiave nella valutazione finale da parte della commissione di docenti. Specialmente in casi in cui la lode sia in bilico, un discorso chiaro, accattivante ed interessante sarà la chiave per accaparrarsela.

Discussione tesi di laurea: ecco i consigli per svolgerla al meglio

Dunque, se siete nella fase di preparazione del discorso di laurea, ecco alcuni consigli che vi saranno preziosi. Leggiamoli insieme…

Tenere sotto controllo l’emozione

A giocare brutti scherzi – in fase di discussione di laurea – è spesso l’emozione. Si può essere anche preparati al meglio, ma l’ansia può causare dei veri e propri black out che rendono difficoltoso iniziare il discorso senza balbettii o parole confuse. Ma come lottare contro l’ansia da prestazione? È semplice: preparandosi ad affrontarla ed accettarla.

Nei giorni precedenti, quando si ripete il discorso, è bene concentrarsi sul fatto che – in sede di laurea – di potrà sbagliare qualche parola o invertire due concetti chiave. Bene: quello che occorre fare è andare avanti con tranquillità senza fermarsi e senza perdere il filo. E sono chi è ben preparato ad eventuali inconvenienti e conosce bene le tematiche affrontate nella tesi sarà in grado di superare l’emozione e continuare a parlare con disinvoltura.

Un trucco, in questo caso, può anche essere quello di fermarsi un attimo per schiarirsi la voce così da recuperare la concentrazione e continuare il discorso con chiarezza.

L’ansia, inoltre, ricordate sempre che può essere una valida alleata per stimolare lo spirito di rivalsa, la motivazione e la decisione.

Scrivere il discorso

Può sembrare scontato, ma nella fase di preparazione del discorso della tesi, è bene scrivere ciò che si dice. Rileggendo gli appunti a mente lucida si potrà cercare di snellire il discorso, facendolo apparire meno contorto e utilizzando periodi più semplici. Aboliamo le coordinate infinite e puntiamo ai concetti chiave: solo così si potrà catturare l’attenzione di un docente di (ad esempio) storia antica se si sta parlando di psicologia infantile.

Un discorso di laurea ben scritto e riletto all’infinito, inoltre, stimolerà la memoria visiva e – in caso di tentennamenti nel momento dell’esposizione – sarà più facile riprendere il filo del discorso.

Quando si  mette nero su bianco il discorso della tesi di laurea, è bene strutturarlo come la tesi stessa: introduzione, riassunto dei concetti salienti e conclusione. È buona norma anche estrapolare frasi delle parti della tesi e connetterle secondo un filo logico, eliminando tutto ciò che c’è di superfluo o “già detto”. Da ricordare anche che il discorso non deve assolutamente essere autoreferenziale ma va sempre tenuto conto che deve essere rivolto ad una platea da conquistare.

Le prime parole: saluti e presentazione

Quando si inizia il discorso è bene “rompere il ghiaccio” salutando la commissione e presentandosi. È consigliabile anche far riferimento al proprio relatore (e correlatore) con alcune brevi frasi di circostanza relative all’impostazione data all’elaborato. In seguito, andrà enunciato il concetto focale della tesi e, successivamente, spiegate le motivazioni che hanno spinto ad una determinata scelta di argomento.

Domande inaspettate: gestitele al meglio

C’è da considerare che – nel corso dell’esposizione – si potrà essere interrotti da domande interessate da parte di docenti che vogliono saperne di più su una determinata tematica enunciata. In questo caso bisogna essere in grado di rispondere in maniera chiara e sintetica cercando di riallacciarsi al filo del discorso – senza andare fuori tema.

E ricordate che una domanda può anche essere il modo di anticipare una parte del discorso, dunque può essere utile e vantaggiosa in termini di tempo da dedicare all’esposizione.

Cinque / dieci minuti e non di più: ecco la durata del discorso

Infine, ricordiamo che l’intero discorso di presentazione della tesi deve avere una durata concordata di circa sette minuti. È importante preparare un discorso che non sfori queste tempistiche tenendo anche conto di possibili interruzioni.

Un’enunciazione lasciata a metà per motivi di tempo non è mai bella, meglio concluderla con qualche secondo di anticipo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali