informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Filosofi del Novecento: i 5 esponenti da ricordare

Commenti disabilitati su Filosofi del Novecento: i 5 esponenti da ricordare Studiare a Siracusa

Sei alle prese con l’esame di filosofia presso l’Università online Niccolò Cusano di Siracusa e stai studiando i filosofi del Novecento?

Se vuoi approfondire le tue conoscenze in materia, leggi la nostra guida. Ti aiuteremo ad avere un primo approccio alla filosofia contemporanea e conoscerai 5 esponenti da ricordare.

Filosofi del Novecento: cenni alla filosofia moderna

Prima di scoprire il pensiero di alcuni dei filosofi più rappresentativi del Novecento, ripercorriamo brevemente questo periodo storico.

Il XX secolo è stato caratterizzato da diverse correnti di pensiero e forti cambiamenti.

Si tratta  di un periodo segnato dallo sviluppo culturale, dalla scoperta di nuovi mezzi di comunicazione e trasporto, da grandi imprese come il primo viaggio dell’uomo sulla luna. Dall’altra parte però è stato anche segnato da scoperte e fatti che hanno avuto conseguenze negative sulle popolazioni. Pensiamo alla scoperta di nuove armi, alla nascita dei regimi totalitari e ai drammi della Prima e della Seconda Guerra Mondiale.

biblioteca_filosofi_del_novecento

Filosofia analitica e filosofia continentale

Per quanto riguarda la filosofia moderna del XX Secolo ci troviamo di fronte ad una macro suddivisione, quella tra filosofia analitica e filosofia continentale.

La filosofia analitica nasce nei primi anni del Novecento, in Inghilterra e negli Stati Uniti, e si presenta come una filosofia scientifica basata sulla logica e concentrata sui dettagli.

Con il termine filosofia continentale invece si fa riferimento alla filosofia che nasce nel continente europeo, in particolare Francia e Germania. Si presenta come una filosofia umanistica fondata sulla storia, che si occupa del senso della vita e dei rapporti interpersonali.

Ora che abbiamo inquadrato il XX secolo sia da un punto di vista storico che filosofico, vediamo 5 filosofi del Novecento che abbiamo selezionato per te.

Karl Popper e il principio di falsificazione

Tra i filosofi moderni citiamo Karl Popper, filosofo ed epistemologo austriaco, nato a Vienna nel 1902 e morto a Croydon nel 1994.

La tesi centrale del pensiero filosofico di Popper è che la conoscenza umana è incerta, in quanto non esistono verità su cui poterla fondare.

Popper si pone contro quelle teorie scientifiche che pretendono di descrivere il mondo, ma la cui pretesa non può essere provata. Contro il principio di verificazione, Popper sviluppa il principio di falsificazione, secondo il quale tutte le teorie scientifiche posso essere empiricamente falsificate. Gli scienziati dovrebbero pertanto cercare di smentire una teoria in modo da verificare se sia valida o meno. Una teoria per essere scientifica deve essere confutabile. Deve cioè essere sottoposta ad un controllo che possa falsificarla.

Martin Heidegger e la questione dell’essere

Il secondo esponente della filosofia moderna di cui parleremo è Martin Heidegger. Filosofo tedesco nato nel 1889 da una famiglia cattolica e morto nel 1976.

E’ considerato il massimo esponente dell’esistenzialismo. La sua opera più nota è “Essere e Tempo”, un saggio incompiuto che ha come filo conduttore il problema del senso dell’essere nell’orizzonte del tempo. In “Essere e Tempo” Heidegger tratta la questione ontologica che ha costituito il nucleo della metafisica già dai tempi di Platone, ovvero che cos’è l’essere.

Nella sua opera, il filosofo sostiene che gli uomini sono esseri viventi che aspettano qualcosa. In questa visione l’uomo vive in attesa di un senso ed è consapevole di dover morire. L’esistenza trova il suo compimento, il suo fine, nella morte. Dunque l’essenza dell’esserci è l’essere-per-la-morte.

L’esistenzialismo di Jean Paul Sartre

Passiamo ora a Jean Paul Sartre, filosofo, scrittore, drammaturgo e critico letterario nato a Parigi nel 1905 e morto nel 1980. Sartre è, tra i filosofi del Novecento, uno dei maggiori esponenti dell’esistenzialismo. Nel suo pensiero ogni individuo è libero e responsabile delle proprie scelte. Ciò che accade nel mondo, come la guerra stessa, è frutto della responsabilità della scelta originaria, pertanto non vi sono casi accidentali.

In questo contesto vogliamo dedicarci al pensiero filosofico di Sartre sull’amore. L’amore è un tentativo di unione tra l’io e l’altro per dare un senso alla propria esistenza. Poiché in amore ognuno vuole essere l’assoluto per l’altro, volendo entrambi la stessa cosa, il risultato è il conflitto.

L’amore è dunque delusione, perché nessuno, secondo Sartre, trova realmente ciò che cerca.

Jürgen Habermas e la scuola di Francoforte

Sociologo, filosofo, politologo, epistemologo ed accademico di origine tedesca, Jürgen Habermas è nato a Düsseldorf nel 1929 ed è uno dei massimi esponenti della Scuola di Francoforte. I principali temi trattati sono filosofia, semiotica e sociologia.

Nel pensiero filosofico di Habermas troviamo due volti: quello francofortese vicino ai temi della scuola e quello linguista. Con Habermas si parla infatti di svolta linguistica. Il linguaggio inteso come strumento di comunicazione è anche un comportamento.

Parlare è agire e l’azione ha sempre un fine. Il pensiero dunque si esprime attraverso il linguaggio ed esprime quindi un comportamento.

Una delle teorie più note di Habermas è la teoria dell’agire comunicativo, per cui l’agire viene considerato un’interazione che si costituisce in base a regole fondate nella comunicazione linguistica.

Umberto Eco e la sua interpretazione della realtà

L’ultimo dei filosofi del Novecento che abbiamo selezionato è Umberto Eco. Nato ad Alessandria nel 1932 e morto a Milano nel 2016, Umberto Eco è uno degli intellettuali più noti tra gli studenti, soprattutto per il celebre romanzo “Il nome della rosa”.

Con lui parliamo della filosofia del linguaggio. In sintesi, Eco sostiene che:

“l’oggetto si rivela nella misura in cui il soggetto si esprime.”

Ciò vuol dire che il modo in cui interpretiamo un oggetto dipende dalle persone che lo considerano e quindi l’oggetto varia a seconda del soggetto.

Allargando il pensiero, possiamo dire che Eco sostiene che la verità non è univoca, ma è data da un infinito processo interpretativo di oggetti. Questa concezione di interpretazione viene estesa, in semiotica, al concetto di segno. La relazione tra la parola (significante) e la cosa reale cui fa riferimento il segno è convenzionale.

Siamo giunti al termine di questa breve guida in cui ti abbiamo fatto assaporare solo alcuni dei principali filosofi del novecento. Ce ne sono molti altri che scoprirai studiando i tuoi libri. Immaginiamo che l’impegno richiesto sarà notevole, per questo vogliamo salutarti lasciandoti qualche buon consiglio. Leggi il nostro articolo su come studiare bene per preparare il tuo  esame di filosofia.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali