informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Imparare ad imparare: ecco come apprendere

Commenti disabilitati su Imparare ad imparare: ecco come apprendere Studiare a Siracusa

Nella vita non si smette mai di imparare ad imparare! In effetti, cari studenti dell’Università online Niccolò Cusano di Siracusa, è proprio vero. Apprendere nuove competenze è fondamentale per avere successo nel lavoro e nella carriera universitaria.

Imparare ad imparare è diventato così indispensabile, tanto da rappresentare una delle competenze chiave per esercitare il diritto di cittadinanza.

Lo sanno bene gli studenti dei nostri corsi di Laurea in Scienze della Formazione a Siracusa che aspirano a diventare insegnanti della formazione professionale.

“Learning to learn”, ovvero “Imparare ad imparare”: definizione

Come abbiamo detto poco fa, l’espressione inglese “Learning to learn”, ovvero “Imparare ad imparare” è diventata una competenza chiave di cittadinanza ed una priorità assoluta per i docenti e la loro formazione.

Per capire cosa significa Imparare ad imparare, è giusto fare riferimento alla definizione fornita dalla Raccomandazione 2006/962/CE dell’Unione Europea (UE), relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente, che afferma che:

“Imparare ad imparare è l’abilità di perseverare nell’apprendimento, di organizzare il proprio apprendimento anche mediante una gestione efficace del tempo e delle informazioni”.

E continua con:

“Questa competenza comprende la consapevolezza del proprio processo di apprendimento e dei propri bisogni, l’identificazione delle opportunità disponibili e la capacità di sormontare gli ostacoli per apprendere in modo efficace”.

Comprendiamo quindi che Imparare ad imparare è una competenza e come tale presuppone delle abilità. Una persona deve arrivare ad essere consapevole delle strategie di apprendimento che preferisce, deve saper distinguere i punti di forza delle sue abilità da quelli di debolezza, deve saper trovare occasioni per istruirsi e formarsi e deve saper individuare gli strumenti necessari.

Inizialmente citavamo il ruolo del docente proprio perché è suo compito insegnare ad imparare nell’ambito della scuola dell’infanzia e della scuola primaria.

Le 8 competenze chiave per l’apprendimento permanente

Ripercorriamo ora le 8 competenze chiave per l’apprendimento permanente.

In ordine:

  1. Comunicazione nella madrelingua
  2. Comunicazione nelle lingue straniere
  3. Competenza matematica e competenza di base
  4. Competenza digitale
  5. Imparare ad imparare
  6. Competenze sociali e civiche
  7. Spirito di iniziativa imprenditoriale
  8. Consapevolezza ed espressione culturale.

Come si vede, Imparare ad imparare è una di queste 8 competenze chiave e, inserita in questo contesto, indica appunto la competenza di un cittadino europeo nel saper reperire ed organizzare informazioni utili allo svolgimento di un determinato compito, acquisire abilità nello studio ed organizzare il proprio apprendimento. 

Queste 8 competenze sono tutte di uguale importanza e non esiste una gerarchia tra loro. Sono tutte competenze di cui le persone hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personale.

Conoscenza, abilità e competenza

Affrontando questa tematica, emergono tre concetti su cui vale la pena soffermare l’attenzione:

  1. Conoscenza
  2. Abilità
  3. Competenza

Nel nostro contesto sociale, specie ora che lavoriamo in un’Europa Unita, saper fare il proprio lavoro non basta, occorrono competenze.

Usiamo il dizionario Treccani per dare le tre definizioni:

Conoscenza: “Comprensione, elaborazione e assimilazione di nozioni. Si differenzia dalla semplice informazione poiché implica un processo attivo di rielaborazione e apprendimento.”

E’ dunque la nozione o la teoria acquisita.

Abilità: “Capacità acquisita da un individuo di svolgere una particolare forma di attività, di tipo sia intellettuale, sia pratico, sia sensomotorio.”

E’ dunque la capacità di applicare la propria conoscenza nello svolgimento di compiti e nella risoluzione di problemi.

Competenza: “Capacità di combinare, in modo autonomo e in contesti reali, i diversi elementi delle conoscenze e delle abilità acquisiti nel percorso di studio.”

E’ dunque la capacità di gestire, sulla base delle conoscenze e le abilità acquisite, le situazioni della vita reale.

La didattica mentalità: insegnare ad apprendere

imparare_ad_imparare_apprendimento_classe

In Italia “Imparare ad imparare” è una competenza che coinvolge aspetti metodologici, metacognitivi e sociali, da assimilare durante la scuola dell’infanzia e quella primaria.

Riguardando le strategie di studio e i modi per potenziare il proprio metodo di studio, diventa importante riflette anche sul concetto di “insegnare ad apprendere” da parte dei docenti.

Nel rapporto docente-allievo il docente dovrebbe far leva su tutte le disposizioni positive dell’allievo ed indurlo così ad apprendere un proprio metodo di apprendimento.

Questo approccio rientra nell’ambito della didattica mentalista, una didattica che sposta l’attenzione dalle discipline all’alunno e fa della mente della persona l’oggetto della sua analisi. Il dialogo pedagogico alla base della didattica mentalista eserciterebbe quindi un’indagine introspettiva che permetterebbe all’allievo di percepire il proprio stile di apprendimento ed individuare i processi mentali per appendere, scrivere e comprendere.

Ogni individuo, come sostiene il filosofo pedagogista Antoine de La Garanderie, ha le proprie abitudini mentali e le proprie attitudini psichiche che insieme influenzano le attitudini scolastiche e i frutti dell’apprendimento.

E’ compito dell’insegnante quindi fare una diagnosi pedagogica dell’alunno ben strutturata in modo da mettere in atto esercizi e strategie per svilupparne e potenziarne i “parametri pedagogici accantonati”, anziché adottare uno stile formativo unico per soggetti diversi.

Ogni alunno ha dunque il diritto di essere messo nella condizione di sfruttare e lavorare sulle sue potenzialità mentali e ogni docente ha la priorità pedagogica di insegnare ad apprendere, riconoscendo le esigente formative del singolo allievo.

Ora che abbiamo visto cosa significa Imparare ad imparare e ne abbiamo capito l’importanza sia per avere successo durante la nostra esperienza universitaria che nell’esercitare il nostro diritto di cittadinanza nell’ambito dell’Unione Europea ed affermare le nostre competenze nel mondo del lavoro, non ci resta che tuffarci nello studio e “prepararci alla vita”.

Come sempre, ci piace salutarci con qualche consiglio utile. In tema di apprendimento, oggi per voi consigli e tecniche per migliorare la memoria.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali