informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come declinare un’offerta di lavoro: esempi e consigli utili

Commenti disabilitati su Come declinare un’offerta di lavoro: esempi e consigli utili Studiare a Siracusa

Rifiutare un lavoro al giorno d’oggi può sembrare assurdo, ma non è impossibile. A volte può succedere di trovarsi di fronte alla scelta di accettare o meno un lavoro e farsi prendere dalla tensione. Come declinare un’offerta di lavoro senza risultare maleducati? Lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Siracusa è pronto a dirti come fare.

Ti daremo consigli utili per rifiutare in modo corretto un lavoro ed uscirne a testa alta. Se sei alle prese con questo tipo di situazione e vuoi saperne di più, continua a leggere.

Come declinare un’offerta di lavoro e perché farlo

Se non sei convinto di accettare un lavoro, non sei costretto a farlo. Se credi che un lavoro non sia quello giusto per te, puoi decidere liberamente di declinare l’offerta in maniera educata e professionale. Si tratta di una situazione da gestire con estrema cura e spesso la paura di bruciare un’opportunità lavorativa prende il sopravvento.

come declinare offerta di lavoro rifiuto

Cosa bisogna fare in questi casi? Esistono delle regole standard da seguire per dire di no a chi ci sta offrendo un lavoro? Anche se non vi sono regole precise, il concetto di base è quello di lasciare un buon ricordo ed una buona impressione alla persona che ci contatta per offrirci un lavoro.

Motivi per rifiutare un lavoro

Prima di vedere come rifiutare un’offerta di lavoro, occupiamoci dei motivi che spingono a non accettare un lavoro. Riuscire a fissare un colloquio di lavoro non è facile, richiede impegno e professionalità. Essere scelti per un lavoro è una bella soddisfazione, ma a volte il candidato selezionato può trovarsi nella situazione di non poter accettare.

I motivi del rifiuto possono essere diversi:

  • le condizioni economiche non sono in linea con le nostre aspettative
  • gli orari di lavoro non sono combaciabili con le nostre esigenze personali
  • l’ambiente di lavoro non ci entusiasma
  • abbiamo la sensazione che quel lavoro non faccia per noi
  • nel frattempo abbiamo già trovato un’alternativa

Per questi e per tanti altri validi motivi, ci troviamo costretti a dover declinare l’offerta e abbiamo il diritto di farlo liberamente. Come? Lo scopriremo presto.

La lettera di rifiuto offerta di lavoro

Un rifiuto telefonico potrebbe essere un’alternativa, ma se abbiamo la possibilità di rifiutare a posteriori, è decisamente meglio. L’ideale è scrivere una lettera di rifiuto tramite e-mail. Esattamente come esistono modelli preconfezionati di curricula e lettere di presentazione, esistono modelli per declinare un’offerta di lavoro. Il nostro consiglio è prendere spunto dai modelli presenti in circolazione, evitando di risultare distaccati ed anonimi. Suggeriamo quindi di rispettare la forma, ma personalizzare il contenuto.

Pensa a come risulterebbe fredda e distaccata, agli occhi di un’azienda, una lettera preconfezionata facile da ritrovare online.
Personalizzando la lettera, non solo l’azienda non si sentirà sminuita, ma vedrà in te una figura professionale, potenzialmente assumibile in futuro.

Cosa scrivere nella lettera di rifiuto?

Per scrivere correttamente una lettera al fine di rifiutare un lavoro, è bene seguire alcune regole di base, ricordando di personalizzarne il contenuto.
Vediamo cosa fare nel caso di un’email, procedendo step dopo step.

come declinare offerta di lavoro rifiuto

L’introduzione

Dopo esserci assicurati di scrivere alla persona giusta, iniziamo la nostra email con un classico saluto formale (es. Gentilissimo Dottore Cognome) ed un’espressione di gratitudine. È buona educazione infatti ringraziare per il tempo dedicato alla nostra domanda e, nel caso di un colloquio conoscitivo, anche per l’ospitalità.

Ringraziamenti iniziali

Dopo questa breve introduzione, è il momento di ringraziare per la proposta di lavoro fatta dall’azienda, sottolineando la difficoltà avuta nel compiere questa scelta. In questa fase di ringraziamenti, è bene non esagerare con le lusinghe. Dimostra la sincerità del tuo sentimento e delle motivazioni che hanno portato ad una simile scelta.

Le motivazioni

Cercando di essere il più diretti possibile nel dire all’azienda che la proposta non è adatta alle nostre necessità o aspettative, bisogna dare delle motivazioni valide.
In questa fase non è necessario dilungarsi troppo con le parole: bisogna arrivare al nocciolo della questione senza troppi giri di parole, sempre con educazione e garbo.

Valorizzazione degli aspetti positivi

Dopo aver spiegato i motivi del rifiuto, è buona abitudine sottolineare gli aspetti positivi dell’esperienza vissuta. Puoi parlare di ciò che ti ha colpito durante il colloquio in azienda o della sua crescita. In questo modo dimostrerai di esserti informato sulla realtà aziendale e di aver creduto veramente in quell’opportunità di lavoro. Si tratta di piccoli dettagli che confermeranno la tua professionalità e lasceranno un ricordo positivo della tua persona.

Conclusione

Per concludere la tua lettera, augura buona fortuna alla società e mostrati disponibile all’eventualità di coinvolgere una terza persona, se credi sia fattibile. Avviati ai saluti con educazione e ricorda di lasciare tutti i tuoi riferimenti per eventuali contatti futuri.

Ora che sai come declinare un’offerta di lavoro, saprai affrontare con più serenità questo genere di situazione. Nel frattempo, non smettere di cercare lavoro. Per questo ti suggeriamo di leggere come si prepara un curriculum.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali